Guido Saraceni e-mail(Inicie sesión)

Contenido principal del artículo

Autores/as

Guido Saraceni e-mail(Inicie sesión)

Resumen

309
La creazione e l’interpretazione dei simboli appartiene al novero di quelle attività che potrebbero essere correttamente definite metasociali e al tempo stesso metabiologiche. Eppure, la sorte dei simboli - ed in particolar modo dei simboli religiosi - appare oggi chiaramente in pericolo, tanto che alcuni vorrebbero estrometterli definitivamente dallo spazio pubblico, immaginando una città composta esclusivamente da luoghi laici e dunque neutrali. Esaminando la differenza che separa il simbolo dal segno, i luoghi dai (non) luoghi ed il principio di laicità dal laicismo, il presente studio intende criticare la postura iconoclastica assunta da una parte della dottrina, al fine di salvaguardare i simboli religiosi dall'esilio in cui qualcuno li vorrebbe relegare, giustificandone la presenza nei luoghi pubblici.

Palabras clave

simboli religiosi, luoghi pubblici, (non)luoghi, laicismo, democrazia

Métricas





Search GoogleScholar


Detalles

Detalles del artículo

Sección
Monográfico. Derechos y creencias: más allá del securalismo
Biografía del autor/a

Guido Saraceni, Università degli Studi di Teramo. via R. Balzarini, 1

64100 Teramo